TORINO FOOD

sabato 23 gennaio 2010

TIZIANO TERZANI: Un altro giro di giostra







“C’era qualcos’altro lassù che col passare del tempo divenne per me sempre più importante: il silenzio. E’ un’esperienza a cui non siamo più abituati. Lassù faceva da sottofondo a tutte le esperienze (…)Di notte il silenzio era unico, sordo rimbombo che usciva dalle viscere della terra, attraversava i muri, entrava dappertutto. Il silenzio lassù era un suono (…). La voce di Dio ? La musica delle sfere?”
Leggendo questo brano di “Un altro giro di giostra”, di Tiziano Terzani, non ho potuto fare a meno di pensare all’Om, all’Amen, e di ricordare i primi passi della Bibbia: “in pricipio era il Verbo, e il Verbo era pressso Dio…“. Quest'opera, di spunti di riflessione di questo tipo ne è infarcita, ne è zeppa, perché parte dalla domanda “io, chi sono?” che si pone l’autore quando pensa di essere alla fine della sua via a causa di una diagnosi infausta di cancro. E in quel momento l’uomo rinuncia al gioco, alle sciocchezze, alle occupazioni, alle distrazioni che avvolgiamo con un velo di importanza denominandole “lavoro”, “mestiere”, “responsabilità”. Ma che ci allontanano sempre di più dalla ricerca fondamentale: perché siamo qui? E’ tutto un caso, una evoluzione della specie? E se non è così, allora, perché? E qual è la Causa delle cause? In occidente siamo abituati, quali degni eredi di Cartesio, a scandagliare, a ricercare, ad entrare nell’infinitamente piccolo. Ma abbiamo perso di vista l’obiettivo finale: se non è tutto un caso, quando, nelle nostre vite, entra un minimo di riflessione, di ricerca spirituale, di un sapere che non sia solamente pratico e tecnologico? Ormai molto raramente, sporadicamente.Ma non è il caso di andare in India o sull’Himalaya per riflettere, per avvicinarsi a nostro Sé: lo possiamo fare anche nel condurre le nostre vite qui, a patto di condurre una vita “in cui possiamo riconoscerci”.