TORINO FOOD

lunedì 14 febbraio 2011

FUSI DI POLLO AL LIMONE AROMATIZZATI ALLE ERBE



Oggi è domenica: che cosa cucino a Gabriele? Domanda ovvia, so già la risposta: pollo!
Ebbene sì. Il mio pargolo adora il pollastro, in soprattutto quello di rosticceria, soprattutto la pelle croccantina, e, in particolare, le alette...o meglio, quel po' di pelle che si può ricavare dalla parte finale dell'ala. E come dargli torto? Il pollo di rosticceria, con quella sua croccantezza e quel profumo di rosmarino, è quasi inimitabile, in casa, e non è paragonabile al pollo arrosto al forno. E quindi ecco che, in casa, sapendo di non poter competere con uno spiedo professionale modello "girarrosto Santa Rita", gli propongo in genere un altro tipo di pollo, che comunque mangia sempre volentieri, pur non essendo arrosto.
E' un pollo aromatizzato con limone ed aromi, a cui aggiungo un extra di timo: se posso, in estate, fresco, così come anche il rosmarino e la salvia, direttamente colti dai rispettivi vasetti che mi ricompro puntualmente ogni anno verso aprile/maggio(infatti, mi muoiono o diventano tristissimi gà verso ottobre), sennò, in mancanza, secco. Ma di sicuro non farei mai un polletto senza erbe..come in fondo non farei quasi nessuna pietanza salata, senza erbe, fresche o secche che siano: le erbe regalano un gusto particolare, di fresco, di bosco, di natura e se non lo sento nei cibi vado in astinenza. Adoro le erbe così come detesto le spezie, pepe compreso. Insomma, posso assicurare che questo polletto in padella è ottimo: parola di Gabriele!
P.S. voi direte..."perchè lo hai chiamato pollo al timo se ci sono origano, salvia e rosmarino?" Perchè, come vi dicevo, piacendomi tantissimo le erbe, salvia, rosmarino e origano li metto praticamente dappertutto, mentre il timo è un extra!
Con questa ricetta, partecipo contest di About Food "Le erbe in cucina"


about food


FUSI DI POLLO AL LIMONE E TIMO

Ingredienti per 2 persone:
4 fusi di pollo spellati
Olio extravergine di oliva
Uno spicchio di aglio
Il succo di mezzo limone
timo, rosmarino, salvia e origano (un cucchiaio raso di erbe secche oppure, se si hanno fresche, un rametto di ognuna)
un bicchiere di brodo vegetale caldo
sale q.b.

Esecuzione:
In un tegame scaldare l'olio e l'aglio intero schiacciato, facendo attenzione a non bruciare l'aglio. Mettere i fusi di pollo senza pelle e farli rosolare qualche minuto (io, durante la fase della rosolatura, tolgo l'aglio, appunto per non farlo bruciare. Lo rimetto subito dopo, quando aggiungo il brodo). Sfumare con il succo del limone Aggiungere il sale e un mestolino di brodo. Aggiungere anche le erbe secche (se messe durante la fase della rosolatura, brucerebbero). Coprire per mezz'ora, aggiungendo man mano altro brodo per non fare attaccare il pollo. Dopo mezz'ora scoprire e portare a cottura senza coperchio, sempre aggiungendo delle cucchiaiate di brodo se tende ad attaccare. Fare rosolar bene gli ultimi 5 minuti e servire caldo.
N. B. se invece si hanno le erbe fresche, metterle cinque minuti prima di spegnere, quando diamo al pollo l'ultima rosolatura, facendo attenzione, a non farle bruciare.


5 commenti:

  1. io non amo il pollo, o meglio odio il petto!! ma il pollo arrosto quello buono rientra tra le cose più buone che esistano. A milano c'è una rosticceria che ne sforna almeno 50 al giorno!! e costano poco...poi ce ne una invece, nota in tutti gli angoli della città dove un pollastro arrosto costa la bellezza di 16 euro!! stavo svenendo quando mi ha detto il prezzo...
    il tuo mi piace tanto poi adoro tutte le erbe!!
    baciotti
    Vero

    RispondiElimina
  2. Bella ricetta! A casa farebbero follie... amano questo genere di piatti.. si, decisamente!
    Un abbraccio e complimenti

    RispondiElimina
  3. Pollo + erbe + limone è la sua morte, come si dice dalle mie parti, io lo faccio spesso saltato in padella con salvia, limone e sfumato poi con il latte, che si riduce e fa un bel sughino denso...

    RispondiElimina
  4. Ciao Cinzia! MI son presa un attimo per fare un giretto tra le tue ultime ricette e..sono sorpresa di alcune tra le "coincidenze" (vogliamo chiamarle cosi?!) che come un filo ci collegano:
    tuo figlio Gabriele (nome che io volevo dare al mio primo bambino, poi chiamato Denis) adora il pollo e la pelle croccante (come li adora Denis) e per voler partecipare ad un contest (gli agrumi) ho preparato e fotografato... una teglia di fusi al limone con erbe aromatiche... che dire, serve altro? Si, altro particolare: stesso giorno della tua pubblicazione (!!!)
    Esistono davvero 'ste coincidenze? Si!
    Un abbraccio, carissima, sento che ci troveremo bene, se resteremo in contatto, virtualmente al Caffé dé la Paix..

    RispondiElimina
  5. grazie di essere passata da me. ho sfogliato il tuo blog e trovo che hai ricette molto interessanti, ho scelto questa perchè mi sembra molto golosa...grazie di avermi dunque dato modo di scoprire il tuo lavoro culinario.
    a presto!!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.