TORINO FOOD

sabato 9 aprile 2011

TORTINI PANNA E LATTE



Stamattina dovevo fare la brioche Nanterre, anzi, il panbrioche di Nanterre. E' da tanto che mi guardo questo lievitato morbido e succoso, e me lo pregustavo da tempo. E la brioche Nanterre, almeno le versioni che ho letto io, va preparata la sera prima, di modo che abbia il tempo di riposare et lievitare in frigo tutta la notte, almeno per otto ore. E così, ieri, per tutta la giornata mi ripetevo a mente: "stasera impasto la Nanteereeee, e domani la preparo lla llààà".Ed ero tutta contenta. Peccato che...che come voi sapete, io abbia ricevuto da Adriano e Paoletta, quando un mese fa circa ho partecipato al corso "Croissants e pizza in Teglia" (vedi post precedente), un pezzetto di pasta madre, come tutti i partecipanti. E in effetti io non so se il lievito madre sia un regalo o una penitenza. Infatti, ieri, con Marcella, quella del Danubio e del Pesto agli Agrumi, dicevamo che in realtà le madri siamo noi: questa benedetta pasta o lievito, va curata ogni due giorni, rinfrescata, impastata, guardata insomma, un vero impegno (anche se alla fine, poi, a rinfrescare ci metto dieci minuti, ma è il mio gusto enfatico che mi fa parlare così). Insomma, venendo al sodo, col pensiero di avere questo LIEVITO madre in frigo, ..NON HO COMPRATO IL LIEVITO DI BIRRA!!! E per la Nanterre, dovevo usare proprio quello, perchè 1) non ho trovato ricette col lievito madre e 2) non so ancora bene maneggiare il lievito madre, come quantità, dosi e preparazioni per cui sia indicato, e quindi la Nanterre volevo farla assolutamente col lievito di birra, come da copione.
Insomma, così, ieri sera alle 22, alias dieci, con tutti gli ingredienti lì pronti, faccio questa tremenda scoperta: non ho il lieivito di birra. Panico. Delusione. Tristezza.. mi dico: che faccio, la faccio con la pasta madre?? No, non rischiamo. Aspettiamo domani, che compro il lievito di birra. Però stamattina avevo voglia di fare qualcosa, qualcosa di consistente, gustoso, umido...che faccio? E vedo di avere della panna in frigo...e mi sono ricordata di una ricetta che come nome originale si chiamava "Torta degli Angeli", ma per non confonderla con l'Angel Cake, quella fatta con soli albumi, ho ribattezzato con molta originalità "Torta panna e latte".
Non è originale, certo, questo nome, ma rende l'idea di questo dolce: morbido, succoso, umidiccio, compatto....insomma, buono, casalingo, da mangiarsi così, con calma e ..semplicità.
Ma stasera...NANTERRE, YEAAAH!

TORTINI LATTE E PANNA
Ingredienti:
2 vasetti di farina 00
1 vasetto di fecola (io farina per torte già con un terzo di frumina)
1 vasetto di panna
1 vasetto di latte
2 vasetti di zucchero scarsi
3 uova
1 bustina di lievito vanigliato
mezzo vasetto olio di semi (io e.v.o.)
i semini di una stecca di vaniglia
1 pizzico di sale
scorza grattugiata di un limone

ESECUZIONE:
Nel robot, con le fruste, montare lo zucchero con le uova sino a che il composto diventa chiaro e gonfio. Aggiungere le uova una per volta. Cambiare le fruste e mettere le lame da impasto in plastica ed aggiungere la panna, il latte l'olio. Infine aggiungere la farina, i semini raschiata dalla stecca di vaniglia, la scorza di limone e il il lievito. Infornare a 170° per 40/45 minuti (prova stecchino)




13 commenti:

  1. Beh, almeno te ne sei accorta prima di cominciare. Sai quante volte ho invece realizzato di non avere un ingrediente mentre gia' avevo cominciato l'impasto???

    Carinissimi i tortini :-)

    RispondiElimina
  2. Per fortuna sei riuscita a fare questi tortini meravigliosi!!! Belli e buoni!

    RispondiElimina
  3. succede anche a me, bellissimiii

    RispondiElimina
  4. Non sarà la brioche Nanterre ma ha sostituito in maniera altrettanto golosa e soffice. Adoro la forma di quegli stampini ^__^
    Un bacio, buona domenica

    P.S. è da un secolo che rimando quella brioche!!!

    RispondiElimina
  5. Cinzia, ho scoperto che la panna rende sofficissimi gli impasti... :DDD
    Hai fatto benissimo, questa deve essere una goduria!!!!!!
    Anch'io da circa un anno vorrei cimentarmi con la Nanterre... :D da quando l'ho vista è stato amore folle! Il lievito madre? Uhm... ti posso confidare un segreto? Paoletta ha un rapporto odio-amore con lui, quante risate mi ha fatto fare in proposito! :DDDDD
    Buon lunedì,
    Ornella

    RispondiElimina
  6. wow ! i like !!!!
    visit our blog at http://uhooi.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. questri tortini vanno benissimo!!!!! poi farai la nanterre. per il lievito madre ti capisco benissimo...è un casino! dà molte soddisfazioni però quanta cura! io purtroppo l'ho fato morire...

    RispondiElimina
  8. Mi complimento per la tua capacità di adattamento!!!
    Alle volte poi è meglio così, guarda che bei tortini ti sono venuti!!!
    Allora alla Nanterre.......
    Buonanotte

    RispondiElimina
  9. Ciao Cinzia! Come non riconoscersi nel tuo racconto? Io oramai faccio sempre scorta di lievito, sia di birra, nonostante abbia quello madre in frigo, che in polvere!
    Hai ragione, il nome rende bene l'idea di questi bei dolci!

    RispondiElimina
  10. Sono adorabili questi tortini dorati e soffici ...
    Attendo le Nanterre :D

    RispondiElimina
  11. ciao cara!!!=)

    sono valentina di omini pasticcini,
    scusa se ti rispondo solo ora ma mi stava sfuggendo il tuo commento sulla mia vera focaccia ligure...scusami ancora!
    grazie per avermi raccontato che tu fai molto spesso la focaccia del video così so che viene buona e posso fidarmi a provarla con gli ingredienti dei panettieri del video corretti!però inizialmente erano si sbagliati gli ingredienti!non si erano accorti di aver inserito la sbagliata dose di olio infatti nel video puoi leggere ancoa 8 hg al pari della farina(ed era un ovvio errore di trascrizione!) però a sto punto non potevo sapere quanto olio serviva per questa ricetta e se potevo fidarmi degli altri dosaggi degli ingredienti (è per questo che usavo i miei dosaggi di ingredienti con la loro magnifica preparazione!)...poi in effetti ho visto oggi,che hanno aggiunto sotto al video una frase dove si scusano per l'errore e sottolineano che i grammi di olio sono 80 e non 800 (ovviamente!)!
    perchè mi dicevo èverissimo e risaputo che va inondata di olio ma così altrochè una carrettata, è un pò troppo poretta...l'ammazzi proprio!!;)
    ma hai tempi, quando mi ero strastudiata il video purtroppo non avevano ancora corretto l'errore... se no penso che mi sarei fidata!!e ora che anche tu mi dici di farla spessissimo sai cosa ti dico...?che nel week end ci provo, la faccio con i loro dosaggi!!=)e se mi piace correggo pure il post o ne inserisco uno nuovo!=)

    a presto buon pomeriggio baci vale

    ps. questo tortino è magnifico, assolutamente da provare pure lui...con la panna mi ispira un sacco!!=)complimenti!;)

    RispondiElimina
  12. cavoloooooo questo è da provare!!!!! chissà che morbidezza! splendidi!!!! baci

    RispondiElimina
  13. assolutamente da copiare!!! bravissima...

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.