TORINO FOOD

domenica 12 giugno 2011

RAGU' di CARNE



O, come scrivono molti, alla francese, ragout.
Insomma, quello lì, no? Il ragù!
Quello che ognuno fa a modo suo, chi con la farina, chi no, chi col pomodoro, chi no, chi coi pezzi interi di carne che cuociono per ore e ore, chi con la carne tritata.
Ecco, io appartengo a questa ultima categoria di persone, quelle che fanno il ragù con la carne tritata comprata dal macellaio. E con questo sughetto impreziosisco lasagne, trenette, gnocchi, insomma, è una vera delizia, e quando mi ritrovo il papà di Gabriele a girare per casa con il ragù sottomano, se lo mangia...nel panino! (non ridete, si fa le fette di pane con il ragù sopra, sempre quando non se lo mangia a cucchiaiate a mo' di Nutella, sob).
Ultimamente io, in verità, mi sto dirigendo verso orizzonti leggermente vegetariani - ultima dieta esclusa, a causa della quale non posso fare a meno di mangiare carne perchè prevede solo proteine; carne che però mi riprometto di ridurre di nuovo al minimo a dieta finita, anche con l'aiuto di di un bravo dietologo che mi consigli un regime con proteine di tipo vegetale e non animale, alias legumi+cereali- ma sono consapevole del fatto che, se io ho optato per questa scelta, non mi sento di imporla a mio figlio, un bambino di sette anni che già ha le sue disgrazie e che manca pure che io gli faccia anche mancare la carne, che tra l'altro lui adora, molto più di pasta e pane (figlio degenere!), essendo come quel mezzo tedesco di suo padre che si mangia mezzo chilo di spezzatino per volta condito da wurstel e prosciutto! Certo, si potrebbe obiettare che anche il proporgli la carne è in un certo senso "imporgli una scelta", ma se si farà degli scrupoli e se da grande vorrà eliminare qualcosa di veramente importante come le proteine animali dalla sua dieta, lo farà "sua sponte" e non sarà a causa di un qualche mio ragionamento.
Insomma, dicevo, io non è che mangi tantissimo il ragù, per quanto mi piaccia, ma a Gabriele lo faccio, e quando si mangia un bel piatto di pasta con un mare di ragù, posso dire di aver già quasi approntato un piatto completo e nutriente. E quindi, ragù!

RAGU' DI CARNE


INGREDIENTI

400 gr carne di vitello tritata due volte dal macellaio (io prendo il taglio "brutto e buono)
mezza scatola di pomodori pelati frullati col loro liquido di conservazione
mezza cipolla
uno spicchio d'aglio
mezzo bicchiere di Marsala
150 dl di brodo vegetale caldo
1 mazzetto di erbe (salvia, rosmarino, timo, maggiorana,origano etc etc)
a piacere: 1 hg di salsiccia spellata e sgranata
sale e pepe
olio e.v.o.
una noce di burro
facoltativo: 1 cucchiaio raso di farina.

PREPARAZIONE
Preparare un soffritto con uno spicchio d'aglio, a cui avrete levato l'anima centrale, spremuto nello spremi aglio, mezza cipolla tagliata sottile, le erbe e l'olio. Dopo un paio di minuti a fuoco basso, aggiungere la carne tritata (e, se vi piace, la salsiccia spellata e sgranata), alzare il fuoco e, continuando a girare, mescolare fino a che la cane non sarà diventata marrone (raccomandazione che mi fece una signora titolare di un noto ristorante qui a Torino nonchè mamma di un mio caro amico). Quando la carne sarà ben rosolata, sfumare col Marsala. Dopodichè, aggiungere i pelati, il sale e parte del brodo, che aggiungerete mano a mano. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere, abbassando di nuovo la fiamma, per un'ora, un'ora e mezza, aggiungendo man mano sempre un po' di brodo, fino a quando il pomodoro non è diventato di un bel rosso scuro. Quando il pomodoro avrà un bel colore scuro, togliere il coperchio e far rapprendere il sugo. Eventualmente, aggiungere un cucchiaino di farina sciolta in un po' d'acqua. A fuoco spento, aggiungere una noce di burro e far raffeddare.
E' effettivamente la madre di tutti i sughi, un Signor sugo, buonissimo: almeno, quelle povere bestie sono morte per una "buona" (anzi, ottima) causa!



9 commenti:

  1. Anche io, pur non essendo vegetariana, mi scopro a mangiare sempre meno carne.
    Cio' non toglie che se mi trovo davanti un bel piatto di gnocchi' al ragu' non mi tiro certo indietro ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. il ragu' e' indubbiamente un'arte,ci vuole pazienza e tempo,ma il risultato e' vincente.I tuoi gnocchi sono favolosi e volentieri ne mangerei una forchetta anche se sono a dieta!

    RispondiElimina
  3. Anche a casa mia il ragù si fa quasi così, cioè vino rosso al posto del Marsala, niente farina ma 3 chiodi di garofano!!! E comunque vuoi mettere i gnocchi conditi con un signor ragù!!!
    Baci, baci

    RispondiElimina
  4. il ragù mi fa venire in mente quando ero piccola...mia mamma lo cucinava quasi tutte le domeniche, poi me lo faceva assaggiare su un pezzo di pane.....che bei ricordi!

    RispondiElimina
  5. ciao Cinzia, il ragù, in casa mia, lo faceva mia madre... quant'era buono! Da mangiare col pane proprio come qualcuno di tua conoscenza!
    Io mi ci sono cimentata qualche volta ma non sono mai riuscita a farlo come lei... ed anche se mi piace "trovarlo fatto" l'idea di mettermi in ballo con tutto sto lavoro mi fa desistere prima di cominciare! Ecco, quindi, capisci... se vuoi spedire...
    Capisco quel che dici; tuo figlio, da grande deciderà, per il momento, se gli piace perché non proporglielo?
    Rispondo qui al tuo quesito sulla Hornby: l'ultimo romanzo m'è sembrato semplicemente banale nella storia. Il modo di scrivere è sempre molto personale ma scorrevole e piacevole, per me, ma la trama mi ha deluso... ed allora, visto che i primi (che hai citato anche tu) mi erano piaciuti tanto, mentre gli altri via via meno (fino ad arrivare a quest'ultimo), per me la Hornby ha chiuso! Beh, ogni regola ha la sua eccezione, naturalmente. Se poi il libro mi viene regalato...

    RispondiElimina
  6. Una volta alla settimana il ragù è protagonista di un piatto di pasta anche in casa mia, io diventerei vegetariana anche subito se non cadessi in tentazione com euna pera cotta davanti ad affettati profumati!
    Prossima volta ci aggiungo il marsala ;) grazie

    RispondiElimina
  7. Quando in casa c'è il ragù sembra un giorno di festa. Mia figlia ne va matta con le pappardelle o con i pici, mio marito non mi da neanche il tempo di farlo cuocere che già inzuppa l'impossibile nella pentola. Però un ragù fatto come si deve è una poesia e va bene con tutto, o anche con niente, pane nudo e via! Un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
  8. Ciao Cinzia, piacere di conoscerti e complimenti per il piatto di gnocchi che fanno venire l'acqualina in bocca.
    A proposito di zucchine ripiene, se non le hai ancora fatte ho appena fatto una ricetta che ho preso da Sonia, la nostra comune amica di: Oggi pane e salame e domani...
    davvero buona e tra l'altro la sua 1° ricetta!
    A presto
    Alex

    RispondiElimina
  9. Ma che bello il tuo ragù, anche i miei pupi lo rubano dalla padella...dei nonni :( io non so proprio perché ma nn lo faccio mai, e pensare che loro ne van matti. E poi mi lamento che non mangiano quello che faccio, basterebbe un po' più di impegno per loro, no? A capirla, capocciona che sono ;)
    Grazie del tuo commento dell'altro giorno, hai colto appieno il significato che avevo in mente
    Ti abbraccio
    PS: va bene con la dieta?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.