TORINO FOOD

sabato 19 novembre 2011

PIZZA CON FARINA DI FARRO

Lasciate perdere.
Non ci provate, non perdete tempo, non buttate via i soldi in farina, lievito, mozzarella e ogni altro ben di Dio che mettereste sulla vostra pizza, perdereste tutto, tempo e soldi.
Credetemi, io l'ho fatta, ho avuto questa brillante idea e pensata: allettata da un giro da Eataly - dove ho visti questi sacchi di farina con un'aria molto...sana, molto contadina, molto bio, insomma, molto di tutte queste cose che vanno di moda ora - mi sono buttata sulla farina di farro. O meglio, mi sarei buttata su tutte le farine, da quella di kamut a quella di segale a quella di mais fioretto ma alla fine ha vinto il farro. Si, perchè mi sembrava di aver letto da qualche parte, e ora so per certo che mi sbagliavo, che il mitico Bonci, nel suo locale Pizzarium, usasse solo ed esclusivamente farina di farro...o di kamut. In effetti non ricordavo bene quale dei due cereali, ma tanto, ho pensato, sempre cereali sono, quindi scegliamo quello dal nome più nostrano, più ruspante....non questo kamut, 'sto nome assurdo, che più che un vegetale mi ricorda un rutto! Insomma, ho preso il mio bel sacco, il lievito, le mozzarelle, tutto insomma, e sono andata in trasferta. Da una mia cugina: sapete bene che ho ancora gli scatoloni post-trasloco in mezzo alla casa, con dentro ancora praticamente tutto, e quindi era giocoforza cucinare in trasferta. E subitò è stata una goduria, un successo: la pasta è lievitata stu-pend-da-men-te, morbida, grassa, gonfia, bella, solo...sì, ecco...solo quel colorito beige-ocra tendente al senape con sfumature di terra di siena e terra d'ombra assunto durante la lievitazione mi rendeva un poco perplessa, ma tant'è, il farro è farro!, mica grano, dicevo fra me. E l'ho cotta. E l'ho mangiata. La abbiamo mangiata. Abbiamo tutti convenuto che era buona, proprio buona, morbida, soffice, umida, una consistenza paradisiaca veramente....solo ecco..."solo che io forse di gusto preferisco il grano..." esordisco io timidamente per sondare i miei parenti. Mannò, mi dice mio cugino che ha vissuto per tutta la vita in Russia (prima della modernizzazione), Cina (idem) , India e che ha mangiato pure le formiche, le larve di insetto e dormito per terra tra i topi. "Mannò, non è cattiva". E subito mia cugina, d'istinto "No, no, ha ragione, anche io preferisco la farina normale, questa ha un gusto ....un gusto.....ecco, forse questa farina non è adatta per le pizze!"
E infatti.
E' adatta per i polli.
Il sacchetto, infatti, l'ho lasciato a loro, che domenica, andando nella casa di compagna, la lo daranno come pastone ai polli.
Evviva il farro (...)

P.S.: la pizza della foto è una pizza che avevo fatto con la cara, adorata farina "normale", di grano: ieri non avevo con me la macchina fotografica ma, sinceramente, non ne sarebbe valsa la pena (se non per farvi vedere quel bel colorino beige, conservato anche durante la cottura...)

PIZZA CON FARINA DI FARRO

INGREDIENTI:
Per una teglia rettangolare da forno:
325 gr farina di farro
15 gr di lievito di birra
1 cucchiaino raso di sale fino
1 confezione di pelati frullati (ne useremo solo metà)
origano
2 mozzarelle
olio extravergine di oliva
acqua tiepida circa 160/170 ml


ESECUZIONE

Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida e versare nella "fontana" di farina cominciando a girare, mettendo anche un paio di cucchiai di olio e il sale (se nella planetaria, mettete farina e acqua, poi il lievito, anche non sciolto ma intero, poi l'acqua rimanente e l'olio). Impastate fino ad avere un impasto omogeneo che ricoprirete con un pezzo di pellicola trasparente a contatto.
Riscaldate il forno fino a 50° e spegnetelo; mettete sul fondo del forno un bicchiere d'acqua per creare umidita.INserite la ciotola con l'impasto e lasciate lievitare fino al raddoppio. Stendete poi l'impasto su una teglia unta di olio, stendete l'impasto con le mani e condite con il pomodoro, le mozzarelle, l'origano il sale ed un giro di olio. Lasciate ancora riposare in forno per una mezz'oretta.
Portare il forno a 200/220°, infornare e lasciare cuocere per circa 12/13 minuti.

E ora...gustate :-(

12 commenti:

  1. Che piacere rileggerti!!!
    E mi hai fatto morire, seguiro' il tuo consiglio: pizza solo con farina di grano :-)))

    A presto :-)

    RispondiElimina
  2. Ahò! Seifffortee! A parte che con la farina di farro ci si possono fare anche le tagliatelle, ne! Ora però vuoi mettere che buona carne di pollo avrà tuo cugino!
    Cmq, a parte gli scherzi le farine di quel genere andrebbero usate solo in percentuale, anche massiccia -tipo oltre la metà del totale farine- ma non per tutto il quantivativo.
    Ho delle ricette di impasti di pane, dove si "tagliano" le 0 e 00 con quelle di segale, farro, integrale, kamut etc. Mica mai che vorrai riprovarci..;)
    buon fine settimana!!!!

    RispondiElimina
  3. questa pizza parla. me la sbranerei!
    e per le farine, concordo in pieno con quanto dice cinzia qui sopra
    :-)

    RispondiElimina
  4. ciao Cinzia... evviva la sincerità. Io però non ho ben capito se alla fine questa pizza vi è piaciuta o no. Sembrava ben lievitata, goduriosa ecc ecc ed alla fine si scopre che forse il sapore... meglio quello della farina bianca. Non credo che comunque potesse essere cattiva, o no??? Mi sembra di capire che non ami troppo le mode culinarie... sai, nenanch'io! A volte compro delle robe, solo perché ne ho sentito parlare e mi sembrano "esotiche" e poi scopro che non sono così speciali o, peggio, sarebbe stato meglio lasciarle dov'erano. Quanto al traslo e scatoloni allegati: io ho fatto traslo a metà luglio e... ho ancora un sacco di scatoloni per casa!!! Meno male che almeno ti hanno attivato il gas ed anche se non hai ancora tutto a portata di mano la tua cucina è agibile. Sei comunque bravissima... noi siamo andati avanti due mesi praticamente a pane e pomodoro!!! (almeno era estate...)
    Un bacione e a presto

    RispondiElimina
  5. grazie per la spiegazione; farina di farro: bocciata! La eviterò (certo, che rabbia che ti deve essere venuta...).
    Anch'io non auguro a nessuno un trasloco... però, dopo tutta sta faticaccia (sai che mio marito ed io abbiamo trasportato anche i nostri 7.000 libri tutti da soli???) ne è valsa la pena. Qui stiamo benissimo (non è che prima stessimo male, ma qui è meglio...)!
    Baci inscatolati e a presto

    RispondiElimina
  6. Ciao Cinzia,anche tu sei forte.Mi ha divertita leggere tutto il post.
    Non mi ha divertita leggere nel tuo commento al mio post quel "era" quando mi hai detto che tuo padre era siciliano.
    Mi dispiace,so quanto si soffre (mia madre è morta quasi un anno fa ed ancora piango spesso pensandola).
    Ti abbraccio,mi ha fatto molto piacere sentirti.

    RispondiElimina
  7. c'est très appétissant, j'adore
    bonne journée

    RispondiElimina
  8. Ciao, ricambio con piacere la visita. Non farò mai la pizza al farro! Forse mischiando le farine il risultato è migliore! A presto, Laura

    RispondiElimina
  9. Tu m'invites quand tu veux pour une pizza.
    J'adore ça.
    A très bientôt

    RispondiElimina
  10. ciao Cinzia, una breve "incursione" per dirti... sai che io ricordo quando avevi detto (ora non saprei dirti dove; ormai sono passati diversi mesi) che il pane del pescatore non ti piaceva? Chissà se sono riuscita a "convertirti"?
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. Incappo qui per cercare qualche idea per la mia pizza di farro e non ho potuto fare a meno di leggere la tua premessa alla ricetta. Io non sono una brava cuoca e con le pizze sono sempre stata negata. Intollerante al frumento sto ultimamente sperimentando ogni tipo di farina e insomma qualche settimana fa ho provato a fare la pizza...con il farro. Mai mangiato una pizza fatta in casa così buona (e non intendo solo delle mie scarse e orribili pizze di "frumento" fatte nei tempi passati)! Morbida, gustosa...ho davvero stupito me stessa (e il mio fidanzato)...tant'è che con questa farina ci ho anche fatto il pane! molto più buono del pane al kamut e cereali che mi propinava il mio panettiere! Insomma, lascio questo commento per evitare che qualcun altro si privi di sperimentare la pizza con questo tipo di farina per via della tua brutta esperienza...Ognuno ha i suoi gusti per carità, ma vorrei rassicurare chi come me ha deciso, per volontà o necessità, di lasciare perdere il frumento, che il farro può essere un ottimo sostituto! Soprattutto per la pizza!

    RispondiElimina
  12. Mirella, grazie del tuo contributo, il mondo è bello perchè è vario, e in fatto di gusti.. "non disputandum est", quindi di sicuro ci sarà almeno un 50% di gente a cui piacerà moltissimo.
    Ciao e buona giornata
    Cinzia

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.