TORINO FOOD

venerdì 9 dicembre 2011

TORTA CIOCCOLATINO di COTTO E MANGIATO






Ebbene sì.
In casa mia è capitato il libro "Cotto e Mangiato". Forse per l'invidia per una persona comune che è riuscita a fare quello che le piace ed in più è pagata profumatamente, forse perchè tutte le riviste, pubblicazioni e compagnia bella che trattino di cibo mi interessano, fatto sta che l'ho comprato. E sfogliato. E devo dire che è cmq una lettura gradevole, con ricettine oneste. E così quando ho letto "Torta cioccolatino" ho pensato subito di farla per Gabriele.Certo, a noi le torte al cioccolato, Sacher compresa, non piacciono un granchè, ma questa è...cioccolatino! E c'è tanto burro, uova...insomma, magari è buona. E la facciamo.
Allora, dico subito, la colpa è della teglia, per carità, anzi, è mia. Subito vedo che va in forno per soli 20 minuti. E poi mi dico "beh, ma ci sono anche solo 4 cucchiai di farina..." (e che cmq fanno il loro bell'etto e mezzo). Insomma, essendo quasi tutte le mie teglie ancora imballate in qualche scatola, e presa dalla smania di fare subito questa torta cioccolatino, chiappo l'unica teglia che ha già visto la luce: 20 cm di diametro. E subito mi chiedo...chissà questi 20 minuti a che diametro si riferiscono...Eh sì, perchè a diametro maggiore corrisponde cottura minore e viceversa, come tutti sappiamo. E avrei dovuto dare ascolto a questo campanello di allarme da massaia esperta (e non da brava cuoca, intendiamoci), ma, ripeto, presa dalla smania, inforno.
E dopo 20 minuti, quelli indicati in ricetta, il risultato è stato questo.

Un po' morbida, vero? Mah, m dico, forse è di quei dolci che devono avere il cioccolato morbido e liquido dentro, i parfait o come diavolo si chiamano. Solamente, mi domando....ma come si fa a tagliarla a quadrotti, come dice la brava Benedetta Parodi, nel caso di sfaldamento? Più che il coltello ci va il cucchiao, il bicchiere, bisogna berla, 'sta torta, altro che quadretti.
Cmq la mangiamo. Metà. E' una buona crema, per carità..forse un po'...ecco, stucchevole, pesante. Ma Gabriele la mangia, e Luca pure. Ma io non mi arrendo. La ricaccio in forno. La tiro fuori dopo dieci minuti. E riesco, finalmente, a fare i famosi quadrotti (ovviamente nessuna speranza di tirarla fuori intera dallo stampo).
Ma tant'è, la torta, alla fine, ha la sua dignità di torta, come voleva essere originariamente: perchè se un povero diavolo vuol essere una torta lo devono far venire fuori una crema, povera bestia??!
Cmq devo dire, è buona. Morbida, umida, cioccolatosa.
Certo, ho mangiato di meglio...ma anche di peggio! Voto: 7
P.S. e poi ha un vantaggio: è semplicissima, la possono fare anche i bambini, infatti mi ha aiutato Gabriele....che sia per quello che l'ha mangiata??;-)

TORTA CIOCCOLATINO DI COTTO E MANGIATO

Ingredienti:

200 gr di cioccolato fondente
200 gr di zucchero
200 gr di burro
4 uova
4 cucchiai di farina
1 pizzico di sale
zucchero a velo o cacao amaro

Esecuzione:
Sciogliere in un pentolino il cioccolato fondente (io al microonde) con qualche cucchiaio d'acqua, aggiungere il burro e lo zucchero e amalgamare il tutto sul fuoco fino a ottenere una crema. Lasciate raffreddare un po' la crema ottenuta poi incorporarvi i tuorli. Montare gli albumi a neve e aggiungere anche questi, infine unirvi il sale e la farina. Versare il composto in una teglia, meglio se foderata con carta da forno perchè il composto è dal momento che la torta è molto delicata e si rompe facilmente, e mettere in forno a 180° per 20 minuti. Una volta cotta e raffreddata, cospargerla con zucchero a velo oppure cacao amaro. Se si rompe, presentarla già tagliata a quadrotti piccoli

12 commenti:

  1. ...ma sei matta!!! il libro della parodi nooooo!!!

    RispondiElimina
  2. ahahahhhh! sei sempre al top della mia lista di sorrisi mentre leggo i post, insieme all'Araba naturalmente!
    Si la Parodi.. proprio una persona semplice mica lo è, ne!? La sorella in Mediaset, il cognato produttore.. an'vedi ò, pure noi allora avremmo fatto qualcosa no?!

    RispondiElimina
  3. Guarda io ho imparato una cosa, i tempi del forno li decido io, non seguo mai e dico mai una ricetta per il tempo di cottura, probabilmente il mio cuoce meno ma i miei tempi sono sempre superiori di almeno un quarto d'ora. Comunque questa a parte la cottura "sbagliata" alla fine si è rivelata molto molto golosa mi pare :-))))) Baci

    RispondiElimina
  4. ma che prelibatezza una fettina? mi sono aggiunta il tuo blog è graziosissimo se ti va passa

    RispondiElimina
  5. Ma che importa l'estetica, importante è che sia buona! Approvo la tua decisione di rimettere il dolce nel forno, ho una impulsiva repulsione per le torte poco cotte, forse ho avuto un trauma infantile :)
    Comunque un quadrotto 'ricotto' lo mangerei volentieri! La prossima volta andrà meglio, un saluto Kris

    RispondiElimina
  6. Cara Cinzia, non ti abbattere. Ti capisco. A me è capitata la ricetta (del medesimo libro) delle verdure gratinate. Con una besciamella fatta col brodo. Non ti sto a spiegare. Hai già capito... ;-)

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. ciao Cinzia, purtroppo questi libri sono spesso imprecisi. Tu, da brava massaia (ed ottima cuoca!) magari potevi pensare alla prova stecchino! Quella non fallisce mai...
    Però alla fine mi sembra che la tortina ti sia venuta ed io un bel pezzetto lo assaggerei volenti... così, tanto per vedere se il voto è quello giusto!
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. cinzia il dolce mi sembra ottimo, anche se in effetti forse doveva cuocere un altro pochino :)))sono contenta di rivederti, ma sbaglio o non ti si leggeva da un po'? buona giornata!

    RispondiElimina
  10. Non tutte le ciambelle vengono con il buco! Ma non ti preoccupare: da quello che hai salvato sembra deliziosa e soffice. Un bacione e al prossimo esperimento.

    RispondiElimina
  11. mi spiace tanto che non sia venuta come volevi però dai forza e coraggio la prossima volta (magari con una ricetta migliore ) andrà meglio :D

    RispondiElimina
  12. ciao Cinzia, come stai?? quanto tempo...! ma lo sai che anche io non la disdegno la Parodi? mi sta simpatica e confesso che ogni tanto me la guardo pure in tv. Almeno lei non si crede chissà chi, mi sembra abbastanza umile e mette passione in ciò che fa. Però il libro nn so se arriverei a comprarmelo! credo di no! poi, dopo aver visto il risultato di questa ricetta...ma come fai a darle 7? io mi sarei proprio incavolata per una torta che non sta in piedi così. E secondo me non è colpa tua, né del diametro della tortiera: secondo me non starebbe in piedi comunue: è colpa dei 4 cucchiai di farina!! un bacio, bello ritrovarti :))

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.