TORINO FOOD

mercoledì 1 febbraio 2012

PANCAKES di Cotto e Mangiato



"Mamma, mi fai le frittelle di Peppa Pig?"
"E come sono, 'ste frittelle??"
"Una sopra all'altra e sopra c'è uno sciroppo come il miele"
Ho capito. Sono i pancakes. Serviti con tanto di sciroppo d'acero.
" E per girarle, le fa saltare in aria dalla padella!"
Seee, sono già lì..! Ma cmq, posso negare due semplici frittelline al pargolo affamato? Giammai. E così eccomi in giro per Torino. Eh sì, a cercare lo sciroppo d'acero! Se pancakes devono essere, pancakes siano, con tutti i crismi. E così dopo aver scandagliato tutta Torino, lo trovo praticamente sotto casa. E non è una battuta!
Ad ogni modo, attrezzata quindi di tutto punto con tanto di sciroppo di acero, mi accingo. E pensare che pochi giorni fa avevo comprato addirittura al super un mix per pancakes, pensando che dentro ci fosse pure la sua bella porzione di sciroppo d'acero (che ovviamente non c'era). E ora mi dico..e se utilizzassi questo mix già bell'e che predosato con zucchero lievito e tanto di aromi non naturali? Mannò, mi dico, sbirciando qua e là vedo che è una cosa talmente semplice...tutte le ricette sono abbastanza simili nella loro semplicità, l'unica che mi disarma è quella di Donna Hay, che prevede al posto del latte, il latticello. Non la prendo neanche in considerazione, e vado giù di piatto con questa versione di Cotto e Mangiato, che seguo alla lettera. Belli, son belli, non c'è che dire; e danno anche soddisfazione, in due minuti sono belli cotti, bruniti, alti e gonfi, proprio come nelle foto che si vedono in giro. Quando poi gli rovesciamo sopra mezzo litro di sciroppo d'acero, sembriamo proprio due californiani, io e Gabriele...o meglio, lui, perchè io tutto posso sembrare tranne che californiana...diciamo che potrei essere del Bronx! Ad ogni modo, sono pronti, caldi e fumanti!
"Mamma, sai, io dicevo ...metti il cioccolato in una teglia, accendi il forno e cuoci le frittelle, non queste!"
Cioccolato?? Teglia???? Di cosa va farfugliando??
FAccio finta di non sentire: "Mangia, sono le frittelle che volevi!"
Colpito nel suo onore, mangia.
Mastica tre ore, manda giù dopo un'altra mezz'ora. Assaggio anche io.
Bleah.
Ma valli a capire, 'sti americani! Anzi, vai a capire noi, che veniamo pazzi per tutte le amerikanate peggiori, vedi i detestati muffins e ora anche i pancakes, delle autentiche spugne. Meno male che c'era lo sciroppo d'acero!
Ad ogni modo le mangia tutte (le spugne ;-), o meglio, mettendogli davanti la Nintendo, gliele faccio ingurgitare tutte e tre, tanto quando gioca non si accorge di nulla, mangia pure i cavolfiori bolliti.! Quando le ha finite gli chiedo: "Gabriele, sinceramente, tanto ormai li hai mangiati e quindi non mi arrabbio più. Ma ti sono piaciuti, questi pancakes o no?"
"No", mi dice, quasi piangendo.
E stavolta ha ragione, povero! E se le è pure ingurgitate tutte!
Ad ogni modo, ormai li ho fatti e la ricetta la posto. Per quanto riguarda il mix per pancakes...beh, finirà dove è già finita la farina della pizza al farro, così si fanno degna compagnia.


PANCAKES (da " Cotto e Mangiato ")

INGREDIENTI ( per 7/8 pancakes)

200 gr di farina
2 cucchiaini di lievito per dolci
sale
1 cucchiaio abbondante di zucchero
2 uova
250 ml di latte
burro per friggere
sciroppo d'acero, marmellata o miele

ESECUZIONE

In una ciotola, unire la farina con il lievito, il sale e lo zucchero; a parte, sbattere i tuorli e unirli al latte, poi mescolare il tutto con la farina fino a ottenere una pastella morbida e uniforme. Montare a neve gli albumi e aggiungerli delicatamente alla pastella. Scaldare sul fuoco una piccola padella antiaderente unta di burro e versarvi un mestolo di pastella (io ho usato una padella larga e ne ho cotti tre alla volta). Appena si sarà solidificata e gonfiata, girarla delicatamente (con una spatola) e aspettare che scurisca leggermente anche anche sull'altro lato. Togliere la padella e proseguire la cottura fino a esaurimento della pastella. Servire i pancakes caldi (e rovesciarvi sopra lo sciroppo d'acero o miele, marmellata, nutella..)







9 commenti:

  1. J'adore les pancakes et les tiennes sont très appétissantes.

    RispondiElimina
  2. Il tuo racconto è spassosissimo.. azz! io ho appena postato una ricetta di muffins!! ehehehe mi viene troppo da ridere! povero Gabriele.. però a me i pancakes mi piacciono, o meglio, mi piacevano quelli che mangiavo a San Francisco.
    Comunque cara Cinzia, passo sempre così volentieri nel tuo blog, pieno della tua simpatia, delle tue ricette condite con un ingrediente che non si trova facilmente in giro e di cui anche io dispongo veramente misere quantità: l'autoironia!
    per ciò non potevo non premiarti col versatile blogger.. l'avrai visto già in giro,a me ha fatto piacere riceverlo e spero faccia piacere anche a te, se passi e riesci a resistere alla mia ricetta di muffins ;-) ...
    http://burroezucchero.blogspot.com/2012/02/muffins-ai-mirtilli-e-yogurt.html
    bacioni!

    RispondiElimina
  3. Ciao Cinzia, eppure a vederli mi sembrano deliziosi, ma in quanto americanate sono d'accordo, ma hai visto ora la pubblicità della pasta nella scatoletta come quelle dei film? terribile! credo che l'ultima cosa che l'Italia debba imitare sono le abitudini alimentari. Un abbraccio, Alex

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto morire :-) a me i pancakes piacciono da morire, ne faccio una versione che prevede i fiocchi di latte nell'impasto...vabbè, non voglio convertirvi, ma solo dirti che sei di una simpatia unica!

    RispondiElimina
  5. ci credi che non ho mai fatto i pancakes? prima o poi mi ci devo mettere!^^ (bello il racconto, ^^ )

    RispondiElimina
  6. Davvero Cinzia? a noi fanno impazzire ne ho fatte due o tre versione e li trovo deliziosi, con lo sciroppo con il miele, la nutella e tante altre paciugate :-)))

    RispondiElimina
  7. i pancakes!!!! li adoro!!!!!!!!
    ogni tanto la domenica ce li concediamo!

    RispondiElimina
  8. ora sono tornata per finire di leggere la storia delle frittelle di Peppa Pig, alias pancakes e a momenti mi catapulto giù dalla sedia dal ridere! E la sai una cosa? L'unico pancake che ho mangiato (manco a dirlo ero negli stati stati uniti) era davvero fantastico. Peccato che poi, tornata a casa, abbia cercato varie volte di ripeterlo, ottenendo sempre le spugne di cui tu parli.. ma perché? Che dici, ritentare e chiedere all'infallibile Araba di passarci la ricetta?
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  9. Muffin e pizza di farro sono buonissimi se ben fatti! Il discorso americanate non regge. Può essere buono un hamburger o il cous cous se fatti bene. Tutto il mondo é paese! I pancake non li conosco non li ho mai assaggiati ma dato che sembrano eliziosi li proverò.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.