TORINO FOOD

mercoledì 20 giugno 2012

COTTON SOFT TOKYO CHEESECAKE



Questa è una delle torte che più ho cannato negli ultimi tempi.

E pensare che da  tempo desideravo farla, da quando, reduce del disastro alias del mattone sotto forma di cheese cake "liberamente tratto" dal libro delle meraviglie di Donna Hay,  la mia amica Marcella, venutami in soccorso, mi aveva indicato un paio di cheese cake di sicura riuscita e da lei sperimentati (santa donna:-)
Uno era un cheese cake monoporzione molto veloce e light, l'altro era questo. Tra l'altro firmato. 
Subito mi ha incuriosito la consistenza. Mi è stato detto che, a differenza del mio mattone, questo era un dolce soffice, morbido, leggero...una nuvola, praticamente. E quindi, dopo aver assaggiato il mattone sopra citato, volevo riappacificarmi con il mondo dei cheese cakes, che pare vengano male solo a me, e andare sul sicuro. Certo, gli ingredienti mi hanno lasciato un po' perplessa...6 uova, dico sei, per una cucchiaiata di farina e una confezione intera di "formaggio cremoso" (diciamo Filadelfia? massì, diciamolo, va, che la ricotta è troppo ..nostrana!). Praticamente una frittata al formaggio dolce, un tortino! Ma Marcella ha garantito, anzi, mi dice che lo ha fatto molte volte e le sue amiche se lo sono sbranato,  e quindi mi fido. Non è nemmeno troppo complicato da fare. Peccato che mentre monto gli albumi  a neve stia sgridando Gabriele di brutto. Una delle sgridate più sonore degli ultimi mesi, ma d'altronde, giocando alla Nintendo, mi stava perforando i timpani con le sue urla di partecipazione, e volevo dimostrargli quanto fosse fastidioso avere una sirena attaccata all'orecchio per mezz'ora di filo urlando un po' anche io. Peccato che nell'enfasi della (s)gridata abbia schiaffato tutto lo zucchero insieme agli albumi subito, all'inizio, invece di metterlo alla fine, e così..frulla e frulla...niente, non montano! E rifrulla e frulla ancora.....acc, 'sti cz di albumi non montano! In compenso ho la mano calda e il minipimer mi si sta sciogliendo dallo sforzo!  E loro, gli albumi,  rimangono di una consistenza molliccia, acquosa, altro che a neve! Che faccio, dove li prendo altri seidicosei albumi da montare a neve, così, su due piedi, mica ho un pollaio in casa, mica mi tengo in casa dodici uova così, come fossero pinoli!! Vabbè, ormai ho capito che non monteranno più, schiaffo l'impiastro nel resto dell'impasto e inforno. Come viene viene, e amen.
E infatti viene  una schifezza. 
Di consistenza strana, molle, gelatinosa...viscida, direi. Praticamente un gel. Una crema per le gambe!
Mia sorella, a cui l'ho rifilata, dice che è buona, santa donna pure lei.
E io?
Beh, io sono convinta che, se avessi seguito la ricetta alla lettera, sarebbe venuta ottima, veramente,  così come mi dice Marcella, che l'ha rifatta più volte e come si vede anche dalla foto  del Cavoletto;  ma io l'ho cannata in pieno, e quindi la dovrò rifare.... Anzi, facciamo così.... fatela voi, e poi mi dite ;-)

Tra l'altro,  si vede già dalle foto, che l'ho cannata in pieno: la mia, ha una consistenza flaccida, mentre l'originale, sembra una nuvola, in effetti. Insomma, per gli altri, la consiglio (l'originale, ovviamente). Io? Io, con i cheese cakes, ho chiuso!

Ah, e Gabriele? Beh, lui ormai ho capito che alla fine, di torte casalinghe, mi  mangia solo quelle di "ricetta Montersino" (ma no?). Le altre, che siano di Tokyo, di Roma o di Narzole, le schifa tutte...:-(






COTTON SOFT TOKYO CHEESECAKE

(da una ricetta de "Il cavoletto di Bruxelles)


250 gr formaggio spalmabile (io Philadelphia)
6 uova
140 gr zucchero
latte 100 ml
Farina: 60 gr
amido di mais: 20 gr
burro: 50 gr
succo di limone: 1 cucchiaio
lievito per dolci: 1/4 di cucchiaino
sale: 1/4 di cucchiaino
una tortiera da 24/26 cm di diametro





Mescolare il formaggio fresco, il burro fuso, il succo di limone e il latte in modo da ottenere una cremina omogenea. Incorporare la farina, l’amido di mais, il sale e i tuorli (tenere da parte gli albumi), e mescolare bene. Montare poi gli albumi insieme al lievito finché siano pressoché sodi, aggiungere gradualmente lo zucchero, fino a ottenere degli albumi ben compatti. Incorporare poi, delicatamente, mescolando dal basso verso l’alto, gli albumi al composto a base di formaggio fresco, e poi versare tutto quanto l’impasto in uno stampo imburrato (o foderato con della carta da forno, se non usate uno stampo di silicone) di 26cm di diametro. Sistemare lo stampo dentro una teglia più grande, versare un paio di dita di acqua in questa seconda teglia e infornare il tutto a 160°C per un ora e 10 minuti. Lasciar raffreddare e servire con il coulis di frutta che preferite.

8 commenti:

  1. Cinzia, sei inarrivabile con questo humor che mi lascia sempre col sorriso dolce :)
    un po' anche perché pure io sgrido i miei figli per gli stessi motivi e poi resto senza voce!
    La cotton è una torta che proprio non mai fatto, nemmeno assaggiato e credo nemmeno visto bene come sia, e per quel che vale, potrebbe anche essere proprio come è venuta a te :) e poi gli ingredienti sono bboni!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Sai che ti dico? Ti ho appena scoperta con questo post, mi hai incuriosito così tanto che presto proverò questa ricetta, deve essere ottima!

    RispondiElimina
  3. sai che non la conoscevo? mi ispira mi ispira...brava!

    RispondiElimina
  4. Anch'io faccio dei discreti acuti con i bimbi, a volte! e se sto cucinando irrimediabilmente rovino tutto! certo che la provo, ho giusto giusto un tot di albumi in frigo da troppo! poi ti dico! grazie per i tuoi post sempre spassosi e ironici!
    buon we, a presto! baci, Francy

    RispondiElimina
  5. Nooo Cinzia, biaogna cucinare quando si e' di buon umore, non quando si litiga coi figli! Dalla foto questa mi sembra una quiche dolce, il tokyo cheese cake e' tutt' altra cosa! Davvero devi riprlvare a farlo, non pupi dire che coi cheesecake hai chiuso se poi ammetti che l' errore e' stato tuo che sgridavi Gabri e hai sbagliato i tempi degli ingredienti! Dai rrova che il dolce e' davvero squisito. M

    RispondiElimina
  6. Mammamia che buono e invitante! Da oggi ti seguirò volentieri, questo angolino mi piace molto, "tutto è più lento, naturale"... ottimo! Complimenti :)

    RispondiElimina
  7. :-) ecco, vedi? Già io sono restia a provare dolci con il formaggio, in più tu mi dai conferma...! Se non ci fossi, bisognerebbe inventarti...smack!
    PS: sta terminando l'ultima settimana del nono mese...un po' di fifa ci sta? O.O

    RispondiElimina
  8. bhe si a vederlo sembra stranetto!!! sai cosa sembra? una chess pie (da non scambiare con una cess-pie, la H è fondamentale! XD) che è base di farina gialla e assume proprio quella consistenza lì, con la crosticina dorata sopra!
    allora, io adoro i cheesecake, ne ho sperimentati tantissimi!!!
    mi è venuto molto bene uno della Parodi ahaha che ho letto che non ami, ma c'è un trucchetto, il dolce non è suo (non che le altre ricette siano sue, intendiamoci....ce la voglio vedere a mettersi lì a creare ricette, c'ha uno staff secondo me dietro lungo due kilometri!)
    non è suo nel senso che vidi una puntata in cui un pasticcere andava a farlo da lei. mai mangiato un cheese così buono, se vuoi ti do la ricettina superlight!!! ti avviso, devi chiamare tipo un'esercito, perché la torta m'è venuta una cosa come 3 kg di roba, ma così cremosa e soffice, da non crederci!!!
    altra ricetta davvero buona una col latte condensato di mia invenzione, ma l'ho fatta molto tempo fa e gli ingredienti li ho scritti nel mio quaderno degli appunti, quindi dovrei recuperarli, non li ho a portata di mano.
    guarda, i cheesecake fatti con il latte condensato sono stati una scoperta per me, gli dona una cremosità che non riesci ad ottenere altrimenti. e poi non metti lo zucchero così!!!
    insomma se hai voglia di fare due prove ti do le ricette...magari ti esce qualcosa di buono...io le ho testate e fatte provare a delle cavie e sono rimasti tutti soddisfattissimi da entrambe! (anche 2 cuochi, quindi la prova del fuoco!)

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.