TORINO FOOD

lunedì 3 giugno 2013

FIORI DI ACACIA IN PASTELLA CROCCANTE



Non sapevo che i fiori di acacia si mangiassero.
In effetti, non sapevo nemmeno che l'acacia facesse dei fiori.
A ben vedere, non so nemmeno che faccia abbia, un'acacia.
Cioè, so che è un albero, questo l'ho studiato, forse, a suo tempo, o l'ho sentito, ma se devo dire di sapere che tipo di albero è, se è un alberello esile esile oppure se è possente come la quercia, in effetti, non lo so. E nemmeno mi  è mai interessato molto saperlo.  Da brava cittadina, conosco solo gli alberi che fiancheggiano i lunghi viali alberati di Torino, cioè, conosco nel senso che li vedo ogni giorno, da anni e anni, ma se devo essere sincera non so nemmeno quali alberi siano esattamente, se platani, ontani, betulle o che altro. So che sono lì, in autunno alcuni fanno dei frutti simili alle castagne ma che non si possono mangiare, e allora so che sono ippocastani, e basta, la mia cultura albero-agricola finiva lì.
Fino a ieri.
Sì, perchè ieri, complice un concorso di pittura, sono finita in un ridente paesino alle porte di Torino, dicesi "Castelnuovo Don Bosco" - che, guarda caso, diede i natali proprio a Don Bosco, che qui a Torino fece molto nel secolo scorso per i ragazzi di strada e di cui ancora si mantengono vivi e attivi gli oratori da lui fondati , e di cui Gabriele è un assiduo frequentatore - immerso nel verde della campagna astigiana. E che ti trovo  sulla strada per Castelnuovo? Una contadina. Una contandina vera, con tanto di foulard e grembiule, così tanto contadina nel suo essere contadina che secondo me fingeva per venderci i suoi prodotti genuini provenienti, invece, dai mercati generali di Torino. Ma tanto non mi becchi, contadina tarocca, ti conosco e non mi lascio ingannare. So che mi vuoi vendere dell'erba a peso d'oro con la scusa che è del tuo campo, che se tanto mi dà tanto tu conosci i campi tanto quanto me, cioè niente, e mi vuoi sbolognare la verdura comprata un mese fa a  Porta Palazzo a prezzo decuplicato, ma a me, non mi becchi! Tz..vediamo un po', va, queste primizie, queste delicatezze di campo, questi frutti del tuo orto, tz...bah...verdura..sembrano spinaci, ..no, costine..."scusi, cosa sono?" "Ortiche!" Ah...non sono spinaci, nè insalata, sono ortiche....."E questi fiori bianchi, cosa sono? " "Fiori di acacia!". " Ah, non mi interessano molto, preferisco i fiori di zucca, fiori commestibili, da fare belli, impanati e croccanti,  me ne dia una decina.." " Ma guardi che anche i fiori di acacia sono da mangiare, mica da guardare.." "Ah sì??? E come li mangio??" "Fa una bella pastella, di acqua minerale e farina, e li frigge, senza le foglie, solo il grappolo di fiorellini..sono buonissimi!" Seeee...vuoi farmi vedere che tu sei una vera contadina proprio, e che ti mangi i fiori di acacia dell'acacia del tuo campo...ma...ma..voglio provare!
Vado via dal banco con una manata di ortiche, un cesto di fiori di zucca e una manata di fiori di acacia.
E non vedo l'ora di vedere se la contadina tarocca mi ha preso in giro...
E faccio la pastella come la faceva mia nonna, langarola doc: acqua frizzante ghiacciata, farina e sale, stop. Ci immergo un grappolino di fiorellini, li tuffo nell'olio bollente. 
E assaggio.
....
Buoni!
Certo..non è che i fiorellini di acacia, così piccolini, si sentano troppo, ma danno quell'idea romantica di star mangiando un fiore, di mangiare veramente qualcosa di non comprato ai mercati generali, qualcosa di vero, di naturale, di  bucolico..sì, lo so, non hanno tutto 'sto gusto, diciamo che la pastella, ottima, fa l'ottanta, novanta per cento del lavoro ma...ecco, per un attimo ho pensato di essere in un altro tempo, in un'altra "dimensione", magari nel secolo scorso, senza macchine, senza smog, traffico, casino.... a mangiare le cose che magari anche Don Bosco, da piccolo, mangiava, cucinate con amore da mamma Margherita, nella pace dei prati astigiani. E  allora, mi paiono buonissmi, questi fiori d'acacia. Grazie contandina, non so se eri vera o tarocca, ma mi hai regalato un bel quarto d'ora, e per questo ti ringrazio.
Poco importa, poi, che l'acacia si trovi dappertutto  per i campi e per le strade dei paesi, come ho visto al ritorno, e ce ne si possa servire liberamente mentre tu me l'hai fatta pagare a peso d'oro; in fondo, anche i bei momenti hanno il loro prezzo..:-)




FIORI DI ACACIA IN PASTELLA

Ingredienti:
fiori di acacia,solo il grappolo senza foglie.
farina di frumento
acqua frizzante ghiacciata
sale
olio extravergine di oliva o di arachide

Preparazione
Preparate i fiori di acacia scegliendo solo i grappolini di fiore, senza foglie. Non lavateli,  si inzupperebbero di acqua: piuttosto, sceglieteli belli puliti dalla pianta.
Preparate la pastella, stemperando la farina con l'acqua ghiacciata e un po' di sale, fino ad avere una consistenza tipo crema pasticciera. L'acqua ghiacciata serve a causare, nel momento della frittura, uno shock termico che renderà vaporosa la pastella, cosa a cui contribuirà anche il gas contenuto nell'acqua frizzante.
Intingetevi i fiori di acacia, e friggeteli nell'olio bollente, circa un minuto per parte
Appoggiate su carta da cucina per eliminare l'olio in eccesso, salate in superficie e servite caldi.


13 commenti:

  1. Cinzia, se ti capita, devi fare lo sciroppo di fiori di sambuco. E'una poesia, nelle giornate estive. E non mi dire che "c'è all'IKEA": è come paragonare il cartone col cultello di Parma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pellegrina, sei un'indovina: la contadina tarocca aveva anche i fiori di sambuco, ma visto che quelli li so riconoscere perchè li trovi dappertutto anche a Torino (ebbene sì, al Valentino e non solo), non li ho presi. Ma ora che mi dici così cerco la ricetta dello sciroppo, e ..tu la sai? E non lo prendo all'ikea, prometto! O meglio, magari lo provo ..dopo, per fare i confronti! Grazie della dritta, allora!

      Elimina
  2. Cinzia! I fiori di acacia (o anche Robinia, per i nonni per mio papà..) crescono appena fuori centro abitato, proprio appena appena in campagna! Da noi ce ne sono una quintalata solo che il fiore sta già sfiorendo :) Però dato che ora li sai riconoscere, puoi ritentare la sorte e a brevissimo forse sei ancora fortunata a trovarna (al limite dalla stessa contadina tarocca;) perché ti consiglierei la panna cotta che ha fatto Babs's http://www.chez-babs.com/2013/05/io-e-i-fiori-dacacia-panna-cotta-al.html, idea che trovo così romantica..
    un bacione!!

    RispondiElimina
  3. Cinzia, solo io allora non conoscevo l'acacia o...robinia, che avevo già anche sentito! Ma sai che, scherzi a parte, non sono affatto male? Croccante al pastella, e loro un po' dolcini, ma poco! Staranno benissimo nella ricetta che mi hai consigliato, che memoria hai!! Grazie Cinzia, un abbraccione caro..e vado a vedermi la ricetta..sperando di trovare altri fiori di ..robinia (gratis;- non mi freghi due volte, contadina tarocca!;-)

    RispondiElimina
  4. Per me tutte queste cose sono come il Santo Graal...sentite nominare e mai viste!!!
    Sarei curiosa di assaggiare, e devo dire che le "frittelle" sono anche bellissime da vedere :-)

    RispondiElimina
  5. Araba, ma sai che quando impanavo i fiori pensavo a te?? Dicevo "chissà se l'Araba potrà farli o se in ..Turchia le acacie le conoscono come me..;-". Cmq sono buonini, soprattutto.. mentalmente!;-9

    RispondiElimina
  6. potessi friggerei di tutto!
    questa pastella...gnammm!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe..anche io, se potessi, appunto....ma visto che tendo a ...lievitare, come il pane, purtroppo vado avanti a yogurt..:-((

      Elimina
  7. Ciao Cinzia!

    Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito http://www.ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 150000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non devi preoccuparti, tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

    Restiamo a tua disposizione!

    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina
  8. Ciao Cinzia,
    questa ricetta dei fiori di acacia in pastella è veramente stupenda! Ti va di utilizzarla per partecipare alla Parmigiano Reggiano Chef, la gara di ricette online a tema Smartcooking (riciclo degli avanzi, riduzione degli sprechi, RISCOPERTA DI INGREDIENTI E TRADIZIONI DIMENTICATI... i fiori di acacia!)
    se si, carica la tua ricetta smart (deve anche contenere il parmigiano reggiano tra gli ingredienti) su https://apps.parmigianoreggiano.it/prchef/, la gara scade il 9 giugno!
    Oppure, se vuoi altri dettagli scrivimi su cattaneo@tribecommunication.it, sarò felice di aiutarti!
    a presto
    Letizia

    RispondiElimina
  9. Fiori di acacia in pastella? Mai fatti e neppure mai pensati di mangiarli. Sei un mito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meris, grazie! Neanche io li avevo mai mangiati, ma sai che invece sono buoni, e veloci! provali e mi dirai! .-)
      Cinzia

      Elimina
  10. *-* che bella ricetta! Non immaginavo si potessero mangiare così, pensavo solo si potessero preparare tisane con questi fiori!
    Ps Sì, ho rinnovato il blog, e alle foto cerco di dare massima attenzione, anche se non è facile..sigh!
    Un bacione a te e all'ometto! ;-)

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.