TORINO FOOD

domenica 1 marzo 2015

MILLEFOGLIE DI VITELLO con riduzione al Marsala e salsa di formaggio Bra





proiezione  ortogonale...di sopra e di lato  ;-)




Ed eccoci all'ormai consueto appuntamento settimanale per il contest "Tu Langhe e Roero in cucina" 2015, arrivato ormai al terzo piatto da preparare con ingredienti della tradizione del territorio.
La preparazione di questa settimana riguarda i secondi  piatti, da inventare con un ingrediente tipico del territorio langarolo: la carne. 
E parlando di "carne", la prima cosa che viene in mente, pensando alle Langhe, è sicuramente la rinomata carne bovina piemontese - tra cui quella pregiata da capi di razza Fassona, dalle carni tenere e dolci - che in questi luoghi viene servita spesso cruda, data la sua estrema morbidezza,  semplicemente  tagliata  a fettine sottilissime e  aromatizzata con olio, sale e scaglie di parmigiano - pensiamo alla classica "albese" -  oppure  tritata e condita con  una classicissima vinaigrette di olio, limone e sale.
Ma anche da cotta, ovviamente, l'eccellenza di questa carne dà origine non solo a dei piatti ricchi e gustosi, come  i brasati (un classico è il brasato al Barolo),  gli spezzatini e le altre preparazioni a cottura lenta e prolungata,  ma può anche  dar luogo a preparazioni   più leggere e   versatili, dando  origine a dei piatti diversi, gustosi e ricchi di sapore.
Come questa mia millefoglie di girello.
Un nido formato da sottili fette di girello (uno dei tagli  più teneri e morbidi,  che si usa anche per la carne cruda), inframezzate da gustosi funghi porcini trifolati ed il tutto condito generosamente da una sapida salsa al formaggio Bra;    e con un tocco di gusto particolare dato dalla riduzione al Marsala secco, per dare un tocco di Sicilia ad una preparazione tutta piemontese.
Le peculiarità di questo tipo di carne, la sua estrema morbidezza  ed il suo gusto delicato, saranno esaltate da un tempo di cottura molto breve (come già detto, questo tipo di taglio è ottimo da mangiare anche crudo),  in forno - praticamente solo una scaldata - ed il piatto sarà subito pronto, da completare solamente con una morbidissima e vellutata salsa al formaggio.
Insomma,  un piatto diverso e leggero, che valorizza il sapore di una carne eccellente  in un connubio di sapori morbidi e avvolgenti.
E se poi vogliamo un tocco di freschezza  in più, ecco qualche accenno di crema di pisellini freschi, che apporterà  al piatto un tocco di primavera.
Un piatto sfizioso e gourmand, che esalta e valorizza una carne delicata e morbidissima.
Perché...non si vive di soli brasati!







MILLEFOGLIE DI VITELLO con riduzione al Marsala e salsa di formaggio Bra

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di fettine di girello (magatello) tagliate  molto sottili (come per la carne all'albese, o poco più)
400 gr di funghi porcini 
4 fette pane casereccio 
70 gr formaggio Bra (o Asiago, o altro formaggio dolce e a pasta morbida)
olio extravergine di oliva
sale
origano e timo fresco

Per i funghi trifolati:
400 gr di porcini (anche surgelati)
uno spicchio di aglio
olio extravergine di oliva
sale
origano

per la salsa al formaggio Bra:
250 ml di panna fresca
70 gr di formaggio Bra (o Asiago, o altro formaggio dolce a pasta morbida)

per la riduzione di Marsala: 
100 ml Marsala secco
mezzo cucchiaino di miele di acacia
una piccola noce di burro (circa 20 gr)
la punta di un cucchiaino di fecola
una punta di cucchiaino di sale

per guarnire
100 gr piselli freschi
acqua
sale

Occorrente:
un coppapasta a persona di  10 cm di diametro e alto almeno 5 cm.


ESECUZIONE:

Prendete le fette di pane e incidetele in forma rotonda con il coppapasta, per ricavarne dei cerchi.
Scaldate il forno a 180° e fate dorare le fette così tagliate per circa 5 minuti (girandole una volta), poi sfornare e mettere da parte.

Cuocete i funghi: pulite con un panno umido i porcini e tagliateli a fette.
In una padella riscaldare leggermente l'aglio schiacciato e privato del bulbo centrale per un minuto con   3 cucchiai di olio extravergine di oliva,  poi aggiungete i funghi,  spolverizzate con l'origano, salate e fate cuocere per una decina di minuti  scoperto, di cui i primi due  con coperchio per far perdere l'eccesso di umidità ai funghi. Togliere l'aglio e tenere da parte.

Per la riduzione di Marsala:
mettete il Marsala (secco) in un pentolino con il miele e il sale. Fate ridurre per circa metà volume, poi aggiungete il burro e la fecola. Fate ridurre ancora leggermente ma in modo che il tutto sia ancora abbastanza liquido ma accenni leggermente ad addensarsi (circa 2 minuti). Togliere dal fuoco e mettere da parte. Raffreddando, il burro farà sì che la salsa si addensi ancora leggermente. Se al momento dell'utilizzo dovesse essere troppo densa, riscaldare leggermente con un cucchiaino di acqua.

Per la salsa al formaggio Bra:
Mettete la panna in un pentolino con un pizzico di sale, aggiungete il formaggio tagliato a fettine sottili, girate per farlo sciogliere e mettete da parte. Se al momento dell'utilizzo la salsa , raffreddandosi, dovesse essere troppo densa, riscaldare leggermente con un paio di cucchiai di latte.

Per la decorazione di piselli freschi.
Procedete a sbianchire i piselli: la sbianchitura farà sì che che i piselli mantengano il loro colore verde vivo e brillante. 
Procedete così: tuffate i piselli  per circa 2 minuti in acqua bollente, poi scolateli e, subito, metteteli in una terrina di acqua fredda e ghiaccio,  lasciandoveli per circa 10 minuti. Frullateli poi con un dl di acqua, quanta serve per ottenere una salsa morbida ma ancora consistente, salate leggermente e mettete da parte.

Prendete infine le fette di girello, ungetele da un lato con un sottile strato di olio extravergine di oliva, salatele in superficie e spolverizzatele di origano secco e timo fresco.

Prendete ora le fette di pane abbrustolite e già tagliate col coppapasta . 
Su una teglia da forno ricoperta di carta forno, posizionate i coppapasta vuoti, che avrete unto all'interno con un po' di olio. 
Posizionate sul fondo dei coppapasta una fetta di pane abbrustolito, poi uno strato sottile di funghi, poi una fettina di carne, poi ancora funghi e arrivate in questo modo fino al bordo dei coppapasta.
Infornate a 180°C per circa 15/18 minuti.
Sfornare, lasciare raffreddare leggermente e togliere il coppapasta direttamente sul piatto di portata.

COMPOSIZIONE DEL PIATTO

Togliere i coppapasta dagli sformatini direttamente al centro del piatto  di portata, levandoli  delicatamente.
Versate poi su ogni sformatino  impiattato una abbondante dose di salsa al formaggio (che avrete fatto riscaldare con un paio di cucchiai  di latte al momento dell'impiattamento),
e qualche goccio di riduzione al Marsala. 
Decorate infine il piatto con la salsa ai formaggi, la riduzione al Marsala e qualche goccia di salsa di piselli.
Servite caldo.






4 commenti:

  1. Bellissimo piatto , sono rimasta incantata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che bel complimento, grazie Lina.-)

      Elimina
  2. Oddìo, ma perché non fai una catering express con Parigi ceh quando sto raschiando il fondo del barile come adesso un piatto amico rimetterebbe al mondo... :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHA Pelle...il 'piatto amico" mi ha fatto morire...come una mano santa, là.-))
      POtessi, te lo invierei.....per ora però ti invio solo i miei carissimi saluti e un abbraccio...certo, non si mangia, ma cmq anche gli affetti rimettono al mondo:-)
      Ciao Pellegrina, e spero che tra u po' il barile sia di nuovo pieno, per tutti...
      Cinzia

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.